Crea sito

PI GRECO DAY

Giornata dedicata alla costante matematica.

Dal mese di gennaio ad oggi, abbiamo visto susseguirsi già diverse festività di carattere religioso o eventi legati a tradizioni più o meno antiche – Capodanno, Epifania, giorno del Caffè, S. Valentino, festa dei Single, festa della Donna… – e forse non tutti sanno che, dal 1988, il 14 marzo si celebra il ‘Pi Day’ per iniziativa del fisico statunitense Larry Shaw insignito, in seguito, del titolo di ‘ principe del pi greco’.

La scelta della data è ispirata dalla consuetudine del mondo anglosassone di indicare prima il mese e poi il giorno, dunque 3.14, grafia che coincide con l’approssimazione ai centesimi del valore di pi greco. Esso è una costante matematica definita come rapporto tra la circonferenza e il diametro del cerchio. La prima manifestazione prevedeva un corteo circolare intorno all’Exploratorium di S. Francisco e la distribuzione di torte alla frutta decorate con le cifre decimali del pi greco. Attualmente, in questo giorno dedicato alla costante, nei dipartimenti di matematica si organizzano feste e la celebrazione è ricordata anche in comunità virtuali tanto che, nel 2010, Google ha dedicato a questa ricorrenza un proprio logo. Molte sono anche le iniziative del MIUR e del mondo della scuola che, ispirate da essa, promuovono competizioni nelle quali gli studenti si sfidano e giocano a risolvere, nell’arco della giornata, il maggior numero di quesiti di matematica diversi a seconda del livello scolastico dei partecipanti.

Il ‘Pi Greco Day’ è diventata un’occasione per avvicinare i ragazzi alla matematica e per demolire i pregiudizi legati alla stessa, dimostrando che essa può essere in qualche modo ‘giocata’ da tutti.

Ogni giornata dedicata porta con sé la finalità di porre l’attenzione sul tema scelto e dunque è facile che continueremo ad associare date per celebrare qualcosa o qualcuno… cerchiamo solo di scegliere bene a cosa o a chi dedicarli dato che, da una stima fatta recentemente, sembra siano rimasti liberi poco più di cento giorni nell’arco di un anno!

 

Matteo Ascenzi