Crea sito

QUANDO LA PAROLA SI FA STILE

“Poesie in musica ricordando cantautori, scrittori e liberi pensatori”

Nella caotica serata del 6 maggio a Velletri, nell’Auditorium della Casa delle Culture e della Musica, l’evento messo in atto da Daniela Di Renzo ha dato la possibilità al pubblico presente di estraniarsi e passare una serata rilassante, capace di risvegliare le più profonde emozioni. Anche grazie al suggestivo sfondo utilizzato, ovvero l’antico convento del Carmine, il concerto intitolato “Quando la parola si fa stile” ha catturato il pubblico presente in una serata molto delicata per la popolazione veliterna: la processione della Madonna delle Grazie. Gli artefici principali della riuscita dello spettacolo sono i membri della band: Emiliano Begni (piano), Stefano Ciuffi (chitarra acustica), Francesco Consaga (sax e flauto traverso), Ermanno Dodaro (contrabbasso) e infine Daniela Di Renzo con la sua splendida voce; per rendere l’atmosfera più rigorosa si aggiunge la voce della regista Carla Petrella, che ha introdotto i temi e letto passi rilevanti; la scaletta prevedeva infatti opere letterarie e musicali di personaggi assai influenti nella storia della nostra cultura: Domenico Modugno, Alda Merini, Fabrizio De Andrè, Leonard Cohen, Giorgio Gaber e altri. Si crea così un mix esplosivo di poesia, musica e parole, ripercorrendo un cammino emozionante nella storia, attualizzando i numerosi temi importanti lanciati da questi personaggi alla nuova generazione che si è formata, che a volte è povera di ideali e che comunque ha perso quello spirito che invece contraddistingueva le antiche generazioni. 

L’insieme di tutte queste varianti ha fatto in modo che lo spettacolo entrasse nel cuore del pubblico che si è lasciato trasportare dall’armonia formata nella sala; la serata è trascorsa velocemente lasciando, alla conclusione, un senso di malinconia per la fine dell’esibizione magistrale. Il pubblico, che ha apprezzato molto la serata e il progetto messo in atto, ha accompagnato l’uscita della band con un caloroso applauso. L’ideatrice della serata, ovvero Daniela Di Renzo, si è detta molto soddisfatta del risultato, soprattutto per il numero di biglietti venduti e per l’apprezzamento che la platea ha dimostrato. Spettacoli di questo calibro e con questi temi dovrebbero essere più considerati dalla società perché, probabilmente, si rivaluterebbero molte cose che ormai sono andate perse.

Dario Di Giacomantonio