Crea sito

IRAN: ENNESIMO DISASTRO AEREO

Domenica 18 febbraio 2018, quella che doveva essere una normalissima domenica di metà mese si è trasformata in una tragedia in Iran dove un aereo di linea, con a bordo 66 persone, di cui 6 membri dell’equipaggio, è precipitato provocando la morte di tutti i passeggeri.  L’aereo di linea ATR-72, di produzione italo-francese, era diretto a Yosuj, quando dopo il decollo si sono verificati alcuni problemi tecnici che hanno fatto sparire l’aereo dai radar facendo scattare l’allarme e di conseguenza immediate ricerche.                                                        

Il velivolo sarebbe precipitato nella regione del Semirom, più precisamente nei pressi del monte Dena. Dopo alcune ore di ricerca, da parte di un elicottero specializzato, sono stati trovati dei rottami dell’aereo di linea, scoprendo una terribile verità: nessun superstite.

La causa probabile dell’incidente si può attribuire alle vecchie tecnologie di cui sono dotati gli aerei della compagnia iraniana, che potrebbero aver causato dei problemi nei sistemi di sicurezza mandando in avaria il motore; queste sono solo le prime ipotesi.                                                                           La verità sull’accaduto si potrà scoprire solo dopo il ritrovamento della scatola nera, cosa resa quasi impossibile dalle terribili condizioni climatiche che rendono impossibile avvicinarsi al veicolo precipitato.

La compagnia iraniana, nota per i numerosi incidenti aerei, è stata costretta a pagare, per decenni, considerevoli sanzioni internazionali relative alla loro antiquata flotta aerea che causa frequenti incidenti; dopo alcuni incontri il governo di Teheran ha firmato accordi con le compagnie aeree Airbus e Boeing proprio per rinnovare i mezzi che, dopo anni e anni di servizio, sono in pessime condizioni.

-Di Tullio Sara