Crea sito

FESTA DEL LAVORO: PERCHÉ SI FESTEGGIA IL PRIMO MAGGIO?

La Festa del Lavoro, o meglio conosciuta come festa dei lavoratori, ha una lunga tradizione: il “primo maggio”  nasce infatti a Parigi il 20 luglio del 1889. L’idea viene lanciata durante il congresso della Seconda Internazionale, riunito nella capitale francese con l’intento di organizzare  una grande manifestazione per chiedere alle autorità pubbliche di ridurre la giornata lavorativa a otto ore. Lo slogan era proprio «8 ore di lavoro, 8 di svago, 8 per dormire» coniato per la prima volta in Australia nel 1855 e condiviso da gran parte del movimento sindacale del primo Novecento.

Perché fu scelto proprio il primo maggio, come data, per la festa ?

A far ricadere la scelta su questa data furono i gravi incidenti accaduti nei primi giorni di maggio del 1886 a Chicago conosciuti come rivolta di Haymarket. A metà Ottocento, i lavoratori non avevano diritti: lavoravano anche 16 ore al giorno, in condizioni pessime, e spesso morivano sul luogo di lavoro. Il Primo maggio 1886 fu indetto uno sciopero generale in tutti gli Stati Uniti per ridurre la giornata lavorativa a 8 ore. La protesta durò tre giorni e terminò, il 4 maggio, col massacro represso nel sangue: una vera e propria battaglia in cui morirono una decina di persone. Per questo motivo il primo maggio divenne il simbolo delle rivendicazioni degli operai che in quegli anni lottavano per avere diritti e condizioni di lavoro migliori.

In Italia dal primo maggio 1990 ad oggi ad accompagnare la giornata tutti gli anni viene organizzato, dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil in collaborazione con il comune di Roma,  un grande concerto  in Piazza san Giovanni per celebrare il primo maggio, rivolto soprattutto ai giovani.

 

Andrea D’Ottavio.