Crea sito

ETICHETTE CIBI, DA GIOVEDÌ OBBLIGO DI INDICARE LO STABILIMENTO DI PRODUZIONE

Dal prossimo giovedì entra in vigore la norma che obbliga di indicare gli stabilimenti di produzione dei cibi. In caso di mancata indicazione, per le aziende sono previste sanzioni da 2’000 a 15’000 euro.

Secondo la Coldiretti questa norma è sostenuta dai consumatori che per l’84% ritengono fondamentale conoscere, oltre all’origine degli ingredienti, anche il luogo in cui è avvenuto il processo di trasformazione.

Secondo l’associazione è però necessario un ulteriore passo avanti, ovvero l’indicazione obbligatoria in etichetta per tutti gli alimenti, compresa l’origine degli ingredienti. La Coldiretti afferma infatti che sia proprio l’origine dei cibi a determinare le scelte di acquisto del 96% dei consumatori.

Molti prodotti che i consumatori trovano sugli scaffali, per la precisione il 14%, fanno riferimento all’Italia riportando sulla confezione il tricolore. Sono poi il 25% quelli che, pur non sfruttando la bandiera, richiamano all’italianità. Riportando questi dati, la Coldiretti sottolinea che tali simboli vengono usati spesso a sproposito e perciò  ha avviato una campagna per fermare il “cibo falso”, proteggere la salute, tutelare l’economia e bloccare le speculazioni.

 

Martina Vulcano