Crea sito

Berlusconi: “Passato o futuro? Sono il presente”.

Il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, è l’ospite atteso della puntata del programma televisivo Che tempo che fa, andata inonda il 26 novembre scorso. Una lunga conversazione in cui Berlusconi parte raccontando la sua infanzia  disagiata, cedendo alla tentazione delle sue battute abituali e ribadendo la propria posizione sui temi caldi della politica: “Non si può dare la cittadinanza ad un immigrato solo perché ha frequentato per cinque anni la scuola italiana”. Poi attacca il M5s e lancia un candidato premier: “C’è una persona molto capace, il generale dei carabinieri Leonardo Gallitelli esempio di “qualcuno che non viene dalla politica, che possa essere visto come una garanzia come premier”. Parlando di presente e passato dice: “È un presente molto operoso, sto lavorando a un programma che dovrà avere l’approvazione di Fratelli d’Italia e della Lega. Poi c’è un passato in cui ho realizzato cose molto difficili, raggiungendo traguardi che hanno suscitato l’invidia di chi diceva che non ci sarei mai riuscito. Ora ho incontrato quegli italiani che, delusi da questa politica, hanno deciso di non votare, per convincerli ad evitare il pericolo 5 Stelle”.L’alleanza con il Pd? Un’ipotesi “irrealistica”, sottolinea il premier. Alla domanda di Fazio, ovvero se non teme che l’elettore deluso nei confronti dei “vecchi” voglia provare i 5s, Berlusconi auspica che non succeda questo e dice: ”Nel ’94 sono sceso in campo per evitare il pericolo dei comunisti. Oggi c’è un pericolo più grande”.                              “Il M5s – continua Berlusconi – è costituito da persone che non hanno mai combinato nulla di buono, non hanno mai lavorato”. A quanto pare il Movimento 5 Stelle, per il cavaliere, è costituito da nullafacenti, un po’ come i comunisti che, a detta di tanti, mangiavano i bambini! Cosa sarà della politica italiana? Cosa bolle in pentola? Chi sarà il nuovo premier? E in fine, perché i deputati e/o presidenti sono incollati alla poltrona? Mistero!

Matteo Rosati