Crea sito

AMO LEGGERE PERCHÉ…

Il primo Giugno è stato presentato “Amo leggere perché” il primo di numerosi incontri che si svolgeranno presso la Casa della Cultura di Velletri. Uno degli organizzatori dell’evento è Guido Ciarla, ex studente del Liceo “Landi”, che gestisce la libreria Mondadori e ha concesso un’intervista al nostro giornale.

<<Cos’è questa iniziativa e cosa si propone di realizzare?>>

<<L’iniziativa prende il nome “Velletri Libris” e vuole richiamare il passato e la cultura del territorio stesso. “Velletri Libris” è figlia della Mondadori che ne è l’ideatrice e che realizzerà tutto questo in collaborazione con la fondazione Arte e Cultura della città di Velletri. Quest’anno nasce per la prima volta una rassegna, ossia una serie di incontri con gli autori dei libri, come già facciamo quasi settimanalmente in libreria; da qui si è voluta allargare la proposta all’intera città.

“Amo leggere perché?” ci sono tanti perché: il libro deve essere visto non solo come un oggetto che il giorno o la sera ci accompagna nella nostra quotidianità, ma deve diventare un contesto, tramutandolo in un’occasione di aggregazione, un incontro culturale, di confronto, crescita e ritrovo. Per questo abbiamo valutato attentamente il luogo; la fondazione ci ha chiamati per collaborare e abbiamo acconsentito. Abbiamo stilato un programma di tredici appuntamenti, il primo è la presentazione del 16 Giugno; gli autori hanno tutti importanza nazionale ed uno a livello internazionale. L’ultima data è, ad oggi, il 3 Agosto ma probabilmente ve ne sarà un’altra in chiusura, tuttavia aspettiamo poiché riguarda un nome di grande importanza e rilievo. Inoltre vi sono dei partner, che non sono solo degli sponsor, realtà del territorio che hanno deciso di sposare il progetto anche per veicolarlo e divulgarlo. In tutto questo Velletri è resa viva, produce un qualcosa di importante e il messaggio viene allargato, e non solo nella zona circostante.>>

<<Molte persone dicono che i giovani non sono più interessati alla letteratura: può questo progetto contribuire a ravvivarne l’interesse?>>

<< Nel video promozionale pubblicato sui social si vedono dei giovani con dei libri e un calice di vino. Questo per dimostrare che non è indirizzato solo alle fasce di età più avanzate ma a tutti; da qui sono nate delle scelte e dei tagli per cercare di abbracciare più tipologie di lettori possibili, tra cui i giovani. Questo non significa che la proposta non debba essere di cultura ma comunque variegata. Ho constatato che molte persone che entrano nella libreria sono giovani e potrebbe essere considerata “un’eresia” dire che oggi i ragazzi non leggono più, al contrario da parte loro vi è una grande volontà di riscoperta del libro. Questa è la forza, l’input che spinge a realizzare molte attività, tra cui laboratori per bambini. Questa rassegna può far vedere il libro non solo come un oggetto tradizionale ma anche come un appuntamento.>>

Guido Ciarla aggiunge inoltre che gli incontri con i vari autori saranno accompagnati dalla musica per rendere la serata ancora più piacevole e dalla possibilità di degustazione come una sorta di “corso” sulla cultura del cibo. Molti scrittori sono stati esclusi, anche se sono rimasti a disposizione, e ci si augura che questo sia solo il primo anno di questa rassegna per riuscire a farla crescere, con il tempo.

Tutto questo è stato sottolineato nell’incontro avvenuto nel pomeriggio presso la Casa della Cultura, insieme a Ezio Tamilia, giornalista Rai che sarà il relatore degli eventi della rassegna, Claudio Micheli, direttore artistico della fondazione e l’assessore Luca Masi. A margine della presentazione è stato anche affrontato il tema della maleducazione verso i luoghi pubblici, per esempio nei teatri dove spesso molte cartacce vengono gettate a terra senza rispetto per gli spazi pubblici. Proprio per questo dovrebbe essere diffusa la “cultura dell’educazione” che sempre dovrebbe essere la base per una società civile. Un buon libro, uno scenario come l’antico convento, possono essere un buon inizio verso questo percorso ideale.

Addessi Seila